Immagine, Stile, Eleganza: Differenze

immagine stile Jun 08, 2020

Quando si tratta dell'aspetto di una persona, si utilizzano i termini "immagine",  "stile" ed "eleganza" come fossero intercambiabili, ma in effetti non é così.

Vorrei far luce sulle differenze significative dei termini, in modo che i clienti, almeno per quanto mi riguarda, ed in particolare gli uomini,  abbiano chiaro che rivolgendosi ad uno specialista che opera in questo campo, anche se possono raggiungere l'eleganza o ottenere una bella immagine,  non sempre potrebbero raggiungere lo stile.

Immagine

L'immagine viene spesso confusa con lo stile.

Quando si dice:  "vorrei che gli altri mi vedessero come più di successo, più autorevole, più giovanile ecc."  si sta parlando di immagine e non di stile.

È quello che desideriamo che gli altri vedano (o come gli altri ci vedono anche senza intenzionalità da parte nostra)

Qui é importante "sembrare" per raggiungere qualcosa e non "essere" chi veramente si é.

Se cerchi la definizione di immagine, potresti trovare qualcosa di simile: 

"L'immagine è l'aspetto intenzionalmente formato di un oggetto, cosa o persona, che ne evidenzia determinate caratteristiche di valore e progettata per avere un impatto emotivo e psicologico sul pubblico target al fine di garantire l'attrattiva sociale (o poco attrattiva)  agli occhi di questo pubblico".

Un po 'astruso, ma la cosa principale in questa definizione è la prima frase: "aspetto intenzionalmente formato", cioè artificiale!

Si presti attenzione al fatto che si fa riferimento ad un pubblico preciso, ove é impressa nella mente un'immagine stereotipata, che dipende dal loro vissuto, esperienze e credenze. Nel momento in cui il pubblico cambia, e con esso  esperienze, vissuto e credenze, l'immagine stessa perde di valore.  Ad esempio: "l'immagine della "persona autorevole ", sarà ben diversa nel caso dell'uomo importante di campagna che vuole impressionare i compaesani quando passeggia alla domenica in piazza, da quella  dell'imprenditore al tavolo del consiglio.

L'immagine stereotipata deve tener presente di ciò che impresso nella mente di questi due gruppi, al fine di poter inviare il messaggio giusto ad ognuno.

Un'immagine è l'aspetto di qualcuno che si sviluppa nell'ambiente di altri, creato artificialmente per uno scopo specifico. 

L'immagine. a questo punto,  non è una qualità innata ma creata, spesso con il lavoro di uno o più specialisti, per l'attività o ambito sociale in cui gravita il cliente e si concentra sull'ambiente esterno (immagine di un politico, immagine di un dirigente, immagine di una star dello spettacolo, immagine di un intellettuale, immagine upper class ecc.).

La richiesta di avere una determinata immagine,  proviene dall'esterno, non dall'interno cioè:

è importante presentarsi in un certo modo per determinati scopi.

Potrebbe non esserci una corrispondenza con l'interiorità; una persona, per così dire, gioca un ruolo.

Quindi anche l'immagine creata, per quanto bella ed attinente sia,  non può essere considerata stile  se non corrisponde alla vera essenza e realtà della persona e, talvolta, potrebbe anche procurare guai sebbene ben progettata.

Pensa a Matteo Renzi 

Matteo Renzi, che era riuscito ad ottenere moltissimi consensi  presentandosi con l'immagine adeguata per ogni occasione anche mettendo a loro agio i giovani con un linguaggio semplice e alla mano  e con un look rilassato e giovanile (Everyman).

La sua immagine, urlava a tutti, a seconda dell'occasione (compagni di partito, giornalisti e altri leader compresi) : Ehi, sono uno di voi e come voi!

Tuttavia nel tempo questa immagine é andata in contraddizione con la sua vera essenza: la finta umiltà ha lasciato il posto alle proprie idee e alle proprie ambizioni al di sopra di quelle degli altri.

Per questo gli archetipi sono importanti, poiché come nel caso di Renzi, costruire l'immagine, senza approfondire le motivazioni Archetipe, e senza condividerle autenticamente, può avere effetti nocivi. Non é fondata sulla verità e provoca delusione e distacco.

I vari look (e linguaggio) é evidente che sono stati creati nell'ambito delle sterili "tecniche di comunicazione"  dove si pensa solo all'immagine e non allo stile.

Come dice il vecchio adagio "Se cerchi di piacere a tutti, finirai per non piacere a nessuno" .

L'immagine fa leva sugli stereotipi impressi nella mente, e la maggior parte delle persone si lascia persuadere da questa, naturalmente fino a prova contraria!

Il vero stile, al contrario, dichiara chi sei con autenticità, anche se potrebbe non mettere d'accordo tutti.

La morale della storia? Sapere chi sei, sapere chi è il tuo pubblico o a chi ti rivolgi,  e non cercare di piacere a tutti.                

Stile

Il concetto di stile per lo più  viene letto come sinonimo di "eleganza", ma non é sempre il caso.

Per stile personale si intende un modo di esprimersi del tutto individuale:

stile é: la tua storia scritta con la tua calligrafia e autografata!

Lo stile è la tua storia raccontata al mondo che ti circonda,  con l'aiuto di vestiti, maniere e comportamenti. 

Lo stile è ciò che ti distingue da un'altra persona. Questa è un'enfasi abile e accurata sulla propria unicità, espressa in manifestazioni esterne. Lo stile è autocoscienza e manifestazione dell'individualità attraverso l'aspetto. 

Non a caso si dice che la moda è negli abiti e lo stile è nella persona che la indossa.

Una delle definizioni che puoi trovare della parola stile sarà qualcosa di simile a questo:

"Lo stile è un insieme di dettagli che caratterizza o distingue un oggetto (persona, opera d'arte, arredamento, ecc.), sullo sfondo di altri."

Lo stile è esclusivamente individuale, che si esprime in tutte le attività, non solo nell'abbigliamento.

Ora immagina che un uomo venga da me e dica che il suo stile é "Anni 20"

Tecnicamente, se lo stile è una "firma della personalità", si può presumere che una persona sia "malata" di quell'epoca, ha piatti, libri di quel tempo, l'ambiente domestico ricorda questa era.

Ma non é così... é solo che visivamente ama quel genere.

Quindi in questo caso - questo NON è  STILE, questa è un'immagine, un ruolo, un gioco. Pertanto, non  penetra in tutta la sua vita e non si fonde con il guardaroba  in un intero quadro.

Se si semplifica, quando esci di casa "Boss", e il resto del tempo sei, "Boscaiolo", significa che,

  • o sei una persona  che ha bisogno di un'immagine per una foto,
  • o tutti quei doppiopetto e colletti di camicia rigidi e inamidati si rivelano un incubo...

....e devi sederti e pensare al perché è successo.

Lo stile individuale è una manifestazione esteriore delle possibilità creative di una persona.

Quindi lo stile di una persona  è una manifestazione della personalità espressa in una forma d'arte esterna (cioè in abiti, accessori, scelta di combinazioni di colori, ecc.).

Purtroppo creatività e conoscenza,  spesso non vanno di pari passo in una persona e  vi sono  poche abilità artistiche pratiche, per questo molte poche persone hanno stile e più spesso preferiscono seguire la moda e le tendenze o, nel tentativo di essere creativi, appaiono di cattivo gusto.

Molte persone non hanno abbastanza cultura per capire che un'immagine, sebbene appaia "elegante" su altri,  possa non avere una relazione molto stretta con loro.

Se l'immagine non riflette chi sei veramente, non ha nulla a che fare con lo stile.

Il problema risiede nel fatto che per lo più  non c'è desiderio di capire se stessi. Quindi si scopre che l'outfit urla una cosa e  il viso ne sussurra un'altra e il modo di comportarsi ne gracchia una terza.

Se identifichi e mantieni la tua originalità e non sei un automa, allora lo stile potrebbe aprirti le porte .

Cercare il tuo stile significa cercare te stesso:

  • ciò che ami,
  • dove ti piacerebbe lavorare,
  • chi vorresti vedere accanto a te
  • come ti piace vivere
  • e come vedi il mondo esterno

Lo stile infatti é per pochi, in quanto richiede che una persona conosca se stesso e si accetti nel suo insieme che tradotto significa: un'immersione in psicologia, analisi delle preferenze, temperamento e carattere, motivazione, stile di vita.

NOTA CHE: questo non coinciderà sempre con idee generalmente accettate.

 

Pertanto, ci sono pochissimi programmi, libri e articoli su questo, e quindi l'idea generalizzata e stereotipata di molti é, che stile per un uomo significhi "vestire in modo classico"  Può succedere, ma non  é per forza così.

Semplicemente il termine "classico=tradizione" é il contrario del termine "moda" (e non stile come in molti credono). Quindi puoi avere stile anche inserendo alcune tendenze che risuonano con te.

Hai molti modi per esprimerti con i vestiti, e quando lo stile nasce da dentro, non é certamente solo un doppiopetto a dimostrarlo. 

Eleganza

La parola "eleganza" viene riferita da molti SOLO all' armonia estetica ed é spesso confusa con lo stile.

La vera eleganza, non si basa di certo solo su fattori esterni armoniosi. La vera eleganza, in definitiva potrebbe essere lo stile di chi vive, si comporta, parla, pensa e veste in modo che il tutto componga un'insieme armonico anche nel quadro di ciò che lo circonda. 

Per questo motivo qui parlerò di armonia estetica

L' armonia estetica è una realtà esterna (il modo in cui i colori si combinano bene insieme, il modo in cui i vestiti cadono dal corpo, il modo in cui tutto é tagliato nelle giuste proporzioni per valorizzare la figura ed il viso). 

Una cosa assolutamente misurabile e adattabile a qualsiasi tipo di persona in base ai principi del disegno artistico, ma non sulla psicologia; per cui vestire con tutti i parametri tecnici giusti, e creare una certa eleganza  dell'immagine (cioè armoniosa) non vuol dire stile. 

Armonizzare l'aspetto significa renderlo solo visivamente più gradevole.

Quindi si può costruire un'immagine elegante (cioè armoniosa esteticamente)  ma non per questo hai necessariamente stile se questa non coincide con eleganza di pensiero, modi, comportamenti e maniere,  che pervade il tuo stile di vita.

L'armonia dovrebbe sempre essere presente, indipendentemente del tipo di vestiti che indossi, ed é un passaggio obbligatorio, ma di base.

Simonettaz
"Stilista All'Avanguardia Della Personalità Maschile" 
studiosa di psicologia e semantica dell'immagine. 

  • Introduce il concetto di "codice Visivo" in sostituzione del concetto obsoleto di "comunicazione non verbale" 
  • creatrice del metodo  "13 tipi di Fascino Maschile" sviluppato sulle linee del volto
  • traduce la tua personalità, psicotipo, e obiettivi in "Stile Unico" avvalendosi dei custodi dei significati universali che sono archetipi.

Questo é il sistema di Simonetta per creare stile che riduce in modo esponenziale due problemi che si riscontrano nella consulenza classica:

l'evidente discrepanza tra aspetto e i componenti dell'immagine:  outfit anche ben progettati, sussurrano una cosa mentre la faccia ne grida un'altra!  

la soggettività dell'immagine proiettata: lavorando sulla comunicazione visiva  e non su quella "non verbale"  spostiamo  l'attenzione da "l'impressione che si vuol fare" a "come gli altri ti percepiscono" Questo é particolarmente importante dal momento che "l'impressione" é sempre soggettiva, mentre la "percezione" é oggettiva, lavorando su codici visivi, impressi nella psiche collettiva.

Per questo lavorando allo stile in maniera così profonda un professionista online, con l'utilizzo dei significati archetipi, potrà creare un saldo personal brand con la propria immagine allineandolo ai valori personali, al servizio offerto e al target di pubblico dei suoi sogni, senza cambiare sé stesso!

CURIOSO?

Se sei pronto a creare il tuo stile, senza cambiare te stesso io sono pronta a sviluppare insieme a te una strategia coerente di stile basata sulla psicologia che ti farà risparmiare tempo e denaro.

Richiedi L'Analisi di Stile Gratuita
Close

50% Complete

Two Step

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.